Cede l’asfalto, affonda il camion dei rifiuti

Scoppiano le polemiche, presi di mira i lavori pubblici. Non è la prima volta che l’asfalto cede e un camion resta in trappola. Il Sindaco si difende: “Lavori a regola d’arte”.

Questa mattina, a Trepuzzi, si sono verificati due incidenti, per fortuna senza conseguenze ai danni delle persone. Un camion per la raccolta dei rifiuti è sprofondato nell’asfalto, in via 2 giugno. Mentre, ironia della sorte, su via 1 maggio, si è verificato un altro cedimento, più lieve, dove si sono create due piccole voragini.

cedimento asfalto trepuzzi - voragine
Foto: Marcella Invidia

L’episodio più grave è quello di via 2 giugno, dove l’asfalto ha intrappolato il camion, impossibilitato ad uscire. La strada è stata interdetta al traffico ed è stato richiesto l’intervento dei Vigili del fuoco per poter tirare fuori il camion, appartenente alla ditta Spa, incaricata della raccolta dei rifiuti a Trepuzzi.

Nel paese sono subito scoppiate le polemiche. Via 2 giugno è stata caratterizzata da diversi interventi dovuti alle tubazioni dell’Acquedotto Pugliese, soggette a rotture. Alcuni testimoni raccontano che i lavori su quella strada sono stati interrotti, per poi essere ripresi, per ben 3 volte. Diverse critiche sono state mosse nei confronti dell’attuale Amministrazione.

Ma Il Sindaco Oronzo Valzano difende la bontà dei lavori eseguiti e imputa la causa del cedimento del manto stradale ad un gusto all’impianto idrico di un’abitazione privata:

“Mi preme fare chiarezza con cognizione di causa dopo aver accertato di persona quanto accaduto questa mattina in via 2 giugno, evitando così sterili speculazioni e falsi allarmi. Preciso, come appurato dai tecnici dell’Acquedotto Pugliese nella relazione di intervento, che il cedimento del manto stradale rifatto da poco, è dovuto al guasto dell’impiantino idrico Aqp di un’abitazione privata, mentre il troncone principale risulta totalmente efficiente. Si tratta perciò di una perdita d’acqua che ha provocato lo svuotamento dello strato sottostante il manto stradale, che ha ceduto sotto il peso del mezzo a pieno carico e non ha nulla a che vedere con la qualità dei lavori stradali eseguiti a regola d’arte”.

Gli fa eco Giuseppe Taurino, collega di partito di Valzano, e candidato Sindaco per le imminenti elezioni nel paese:

“Attribuire la responsabilità alla nostra lista “Solidarietà Lavoro Democrazia” di quanto accaduto questa mattina a Trepuzzi in via 2 giugno, è un atto di sciacallaggio politico, che sottolinea la mancanza di un programma concreto da parte degli avversari speculatori, è bene precisare lo stato reale dei fatti.

Il cedimento del manto stradale (rifatto da pochi giorni), come appurato dai tecnici dell’Acquedotto Pugliese, prontamente intervenuti sul posto, è dovuto al guasto dell’impiantino idrico Aqp di un’abitazione privata, mentre il troncone principale risulta totalmente efficiente. In sostanza una perdita d’acqua ha provocato lo svuotamento dello strato sottostante il manto stradale, che ha ceduto sotto il peso del mezzo a pieno carico. Nulla a che vedere con la qualità dei lavori stradali eseguiti a regola d’arte”.

voragini cedimento asfalto trepuzzi via 1 maggio
Voragini via 1 maggio

Tuttavia rimangono da spiegare le cause del cedimento avvenute in via 1 maggio, dove, a quanto pare, non sarebbe stato un mezzo pesante a pieno carico a provocare le voragini.

Inoltre, diversi cittadini fanno notare che quelli di oggi non sono casi isolati e che un po’ in tutto il paese la situazione sarebbe critica. Alcuni mesi addietro, in via Kennedy, un altro camion della spazzatura era sprofondato a causa del cedimento dell’asfalto.

C’è chi punta il dito contro le griglie di scolo, che non sarebbero state sistemate a regola d’arte e contro un impianto fognario ritenuto inadeguato, che provocherebbe allagamenti in caso di forti piogge. Sono stati realizzati dei lavori di adeguamento della fognatura, durati circa 9 mesi. Ora che sembrava risolto il problema degli allagamenti, i cittadini devono vedersela con l’asfalto che cede.

Al di là di tutto, un interrogativo sorge spontaneo. Nel momento in cui vengono eseguiti dei lavori pubblici, non si tiene conto che la perdita di una conduttura ed il passaggio di un mezzo pesante non sono eventi straordinari come la caduta di un grosso meteorite? Che cosa non ha funzionato?

Articolo pubblicato originariamente su TagPress