Raccolta firme per riaprire due strade provinciali

L’iniziativa parte da una idea del gruppo consiliare di Minervino “La Locomotiva”, che con una raccolta firme vuole sollecitare la provincia alla riapertura di due strade che chiudono i collegamenti della frazione Cocumola

Un paese a rischio isolamento. E’ questa l’opinione de “La Locomotiva“, gruppo di opposizione del Comune di Minervino di Lecce, riguardo la frazione di Cocumola, che dal dicembre 2014 si è visto chiudere due importanti arterie: la SP 233, che collega la cittadina salentina a Vitigliano, e la SP 60 che la congiunge a Vaste. Una decisione presa dalla Provincia di Lecce a causa del dissesto stradale provocato dalle radici degli alberi (soprattutto pini) che percorrono i lati di entrambe le strade.

Una situazione non più sostenibile per il gruppo di minoranza consiliare che ha organizzato nelle scorse settimane una raccolta firme con le quali presentare poi una petizione al presidente provinciale Antonio Gabellone. L’obiettivo, come spiega il capogruppo de “La Locomotiva” Angelo Guglielmo, è quello di eliminare nel più breve possibile le barriere presenti sulle due strade:

Le due provinciali sono state chiuse senza nessuna comunicazione, né un progetto di riapertura. Nel dicembre 2015, inoltre, il Consiglio comunale aveva approvato all’unanimità una delibera da far pervenire a Gabellone per sensibilizzarlo all’argomento. In questi mesi non è però accaduto nulla e il nostro gruppo si è stancato di questa situazione. Per questo abbiamo organizzato questa raccolta firme così da presentare al presidente provinciale una petizione che lo solleciti a trovare la giusta soluzione per consentire la riapertura di quelle due arterie.

strada vaste-cocumola
La barriere poste su un tratto della SP 60 Vaste-Cocumola [foto: www.leccesette.it]

Come da regolamento provinciale, affinché la petizione sia valida occorrono un numero di firme superiore a mille, una cifra che “La Locomotiva” spera di raggiungere domani nella terza e ultima giornata di raccolta. L’iniziativa è infatti iniziata proprio a Cocumola lo scorso 29 maggio, raccogliendo ben 600 firme, per proseguire il 5 giugno a Minervino, dove il risultato è stato di 200 sottoscrizioni; il gruppo spera ora di raggiungere il proprio obiettivo domani, domenica 12 giugno, quando il gazebo per la raccolta firma verrà allestito a Specchia Gallone, l’altra frazione del Comune di Minervino di Lecce.

Una volta raggiunto il numero di firme sufficienti e inviato la petizione a Gabellone, l’impegno de “La Locomotiva”, però, non terminerà:

Siamo stanchi e sdegnati della situazione che si è creata e del silenzio di chi è deputato a trovare una soluzione. Dopo sei mesi non si è mosso assolutamente nulla. Anche la maggioranza del nostro Consiglio comunale non si è attivata se non con l’invio in Provincia di una nota con allegata la delibera. Il nostro gruppo non si fermerà finché le due strade non verranno riaperte. Staremo quindi col fiato sul collo di Gabellone e coinvolgeremo anche il Comune di Poggiardo, le cui barriere della SP 60 ricadono anche sul suo territorio.

Articolo pubblicato in origine su TagPress

Facebook Comments