Mercato settimanale, revocata la sospensione…per ora

Il sindaco Toma ha revocato l’ordinanza emessa dopo le segnalazioni di buste contenenti deiezioni abbandonate per terra. Il mercato settimanale è salvo, ma gli ambulanti sono stati avvisati

Dietrofront da parte dell’Amministrazione comunale e pericolo scampato per gli ambulanti. Il sindaco di Maglie Ernesto Toma ha infatti ha revocato l’ordinanza di sospensione del mercato settimanale di domani, sabato 5 novembre.

Come abbiamo raccontato negli scorsi giorni, il provvedimento era stato preso dal primo cittadino magliese in seguito alla ennesima segnalazione del ritrovamento di buste contenenti urine ed escrementi al termine del tradizionale appuntamento commerciale. L’ordinanza, che Toma aveva firmato su proposta degli assessori Dario Vincenti e Marco Sticchi (delegati rispettivamente ad Ambiente e Mercati), aveva avuto come prima conseguenza la prevedibile reazione dei commercianti, delusi ed indignati non nei confronti dell’Amministrazione comunale, ma di quei pochi colleghi le cui azioni si erano rivelate dannose per la loro attività e per l’immagine della categoria.

Dopo essersi confrontati tra loro, gli operatori del mercato settimanale di Maglie hanno scritto una lettera al sindaco, scusandosi per gli incresciosi episodi e proponendo una fattiva collaborazione per individuare i colpevoli; per garantire, inoltre, che il mercato si svolga in correttezza e civiltà, gli ambulanti hanno promesso di migliorare la gestione degli imballaggi, differenziando carta, plastica e vetro. Infine, hanno suggerito un controllo più intenso da parte dei vigili urbani al termine della manifestazione.

La lettera è stata poi seguita da un confronto tra Ernesto Toma e una delegazione degli operatori commerciali del mercato di Maglie, al termine del quale il primo cittadino ha provveduto alla revoca della sospensione, di concerto con gli assessori Sticchi e Vincenti. Il prossimo passo, però, spetta nuovamente ai commercianti, che hanno promesso maggiore collaborazione soprattutto nello smaltimento dei rifiuti provenienti dalla loro attività sull’area mercatale. Si tratta, però, del loro ultimo jolly, perché, come sottolineato dal sindaco, il ripetersi di nuovi episodi porterà alla sospensione del mercato a tempo indefinito.

Articolo pubblicato originariamente su Tagpress

Facebook Comments