Nuovo agguato: colpi di kalashnikov e pistola contro un 41enne

Un 41enne pregiudicato di Casarano è stato ferito gravemente in un agguato. E’ in prognosi riservata. Possibile collegamento con omicidio del 26 ottobre.

Ancora a Casarano, ancora colpi di kalsashnikov. Luigi Spennato un 41enne pregiudicato del posto è stato vittima di un agguato nella serata.

L’uomo, in prossimità della zona della Madonna della Campana, mentre si dirigeva con la propria auto probabilmente verso casa, è stato raggiunto da alcuni uomini (probabilmente due) armati di pistola e kalashnikov, che hanno più volte fatto fuoco al torace e alla testa ferendolo gravemente.

[tagpress_ad_marcello]

L’uomo sarebbe uscito dalla macchina per poi accasciarsi al suolo in una pozza di sangue. Sul posto è giunta un’autoambulanza che l’ha trasportato in codice rosso in ospedale, dove si troverebbe ricoverato in prognosi riservata. Sul luogo del delitto sono sopraggiunti anche i carabinieri della stazione di Casarano con i colleghi del reparto investigazioni scientifiche, i quali si sono messi al lavoro per cercare elementi utili a risalire ai responsabili.

Secondo gli investigatori Spedicato è vicino agli ambienti della Sacra Corona Unita, la mafia salentina, ed in particolare sarebbe, sempre secondo gli inquirenti, un uomo di Augustino Potenza, freddato lo scorso 26 ottobre nei parcheggi di un centro commerciale a colpi di kalashnikov.

E’ possibile che un equilibrio si sia rotto all’interno dell’organizzazione e si sia riaperta una guerra di mafia, che probabilmente si svolgerà nella solita indifferenza generale. Questo è il Salento, non è Milano. Non verrà inviato l’esercito a sfilare davanti alle telecamere.

Articolo pubblicato originariamente su TagPress

Facebook Comments