Italian Teacher Prize: due salentini per il “Nobel” dell’insegnamento

Due salentini candidati per l’Italian Teacher Prize, il premio per i “fuoriclasse” dell’insegnamento capaci di trasmettere sapere e passione per lo studio in maniera innovativa.

Ci sono anche due docenti di due istititi scolastici salentini tra i candidati all’Italian Teacher PrizeItalian Teacher Prize, com’è noto, è il Premio Nazionale Italiano, gemellato con il Global Teacher Prize la cui finalità è di individuare l’insegnante migliore capace di trasmettere il sapere e la passione per lo studio ai suoi studenti in maniera innovativa, a dispetto delle difficoltà e della scarsità di mezzi.

Il Premio nazionale è volto a valorizzare il ruolo strategico che i docenti rivestono nella vita dei giovani, cittadini del futuro.
Il Premio è ormai in fase avanzato, in quanto sono state già presentate e vagliate le circa 11.000  candidature e le auto candidature.

Secondo quando indicato dall’apposita nota ministeriale, infatti, una prima selezione è stata effettuata in base alle domande poste nella scheda di adesione che i docenti, auto candidati o indicati da terzi, hanno compilato inviato. Tramite questa prima selezione, sono stati individuati 50 finalisti, tra i quali verranno poi selezionati da una Giuria Nazionale i 5 docenti che saranno premiati (Fonte: OrizzonteScuola).

Al primo classificato, ossia al miglior docente italiano, verrà assegnato un premio di 50.000 euro, destinato alla scuola in cui opera per la realizzazione di attività e progetti promossi e coordinati dagli insegnanti premiati.
Agli altri quattro docenti finalisti andrà un premio di 30.000 euro ciascuno, anch’esso destinato alla scuola in cui operano per le finalità suddette

Tra i finalisti ci sono anche due docenti salentini. Si tratta del professor Daniele Manni, docente dell’I.I.S.S. Galilei-Costa di Lecce,  già candidato nelle precedenti edizioni, e delle professoressa Lara Ferrari, che insegna presso l’I.C. Polo 2 di Veglie.

Finalisti Italian Teacher Prize

Articolo pubblicato originariamente su TagPress

Facebook Comments