Xylella: “I Comuni non hanno i fondi per effettuare gli interventi obbligatori”

codiro - xylella - li sauli

Sindaci del Brindisino chiedono incontro urgente al Dipartimento regionale Agricoltura. Le misure imposte per il contrasto alla xylella sono troppo costose e i Comuni lamentano mancanza di risorse.

La primavera è alle porte e le disposizioni dell’Osservatorio fitosanitario regionale impongono misure a lotta obbligatoria per contenere la sputacchina, l’insetto considerato vettore della xylella fastidiosa.

Ma alcuni Comuni della provincia di Brindisi, rientranti nelle zone cuscinetto e di contenimento, lamentano di non avere sufficienti risorse per dare attuazione a queste misure, che consistono in operazioni di aratura, trinciatura e fresatura della vegetazione spontanea, da ultimare entro e non oltre il 30 aprile.

Per questo i Sindaci dei Comuni di Ceglie Messapica, Cisternino, Fasano, Ostuni, di San Michele Salentino, nonché il Commissario straordinario del Comune di Carovigno, ieri, 2 marzo, hanno firmato una lettera congiunta per chiedere un incontro urgente al Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale e Ambientale della Regione Puglia.


Oggetto della discussione dovrebbe essere la ricerca di una soluzione e la definizione di una strategia condivisa in ordine alle tempistiche e al finanziamento – auspicando il sostegno economico della Regione – delle iniziative di contrasto alla diffusione del coleottero (la sputacchina) mentre è ancora allo stadio giovanile, non solo nei terreni agricoli, ma anche nelle zone urbane.

In base alla normativa di contrasto e contenimento della diffusione della xylella fastidiosa, ci sono precisi obblighi a carico dei proprietari di terreni. Per quanti riguarda i le aree pubbliche, questi obblighi gravano sugli enti pubblici competenti, principalmente i Comuni, in relazione anche a strade comunali, contrade e percorsi interpoderali.

Ginfranco Coppola, Sindaco di Ostuni, Comune capofila, sostiene la presenza di una “difficoltà oggettiva di portare a compimento le buone pratiche indicate su territori estremamente vasti”, per cui i Comuni hanno ritenuto urgente “un incontro con i tecnici e gli amministratori regionali per studiare un programma d’intervento efficiente ed efficace, prima dell’arrivo della primavera”.

Facebook Comments

Laureato in giurisprudenza, scrivo, racconto, facendomi domande, senza cercare risposte facili. Più che giudicare mi interessa comprendere. Sono stato cofondatore e caporedattore della Testata TagPress.it. Al momento gestisco il blog SalentoMetropoli.it e collaboro come freelancer per altre testate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *