Lamborghini Huracàn: lo Spot video girato nel Salento

spot lamborghini Huracán salento - porto badisco otranto

Porto Badisco, Torre Sant’Emiliano, Piazza Duomo a Lecce, Palazzo Guarini a Botrugno: suono questi i luoghi che si distinguono nello spot pubblicitario della Lamborghini Huracán, girato nelle scorse settimane.

La litoranea est del Salento, da Otranto a Santa Cesarea Terme, si sa, è una strada particolarmente apprezzata da chi ama viaggiare sulla “due ruote” o sulla “quattro ruote”, il paesaggio è suggestivo e si presta bene ad ospitare un set cinematografico.

Devono averla pensata allo stesso modo i pubblicitari che hanno scelto il Salento per girare lo spot per la nuova versione spyder di casa Lamborghini, la Huracán.

La Laborghini è un’azienda italiana fondata il 7 maggio 1963 da Ferruccio Lamborghini, già produttore di caldaie, trattori e condizionatori d’aria, che – si racconta – decise di costruire auto sportive dopo un diverbio avuto con Enzo Ferrari, riguardo a dei presunti difetti presenti sulla sua 250GT. Il padre dell’azienda di Maranello sembra che non avesse voluto ascoltare le lamentele, snobbando e liquidando in maniera poco gentile quel semplice “produttore di trattori”.

Lamborghini decise quindi realizzare un’auto più adatta alla proprie esigenze e concretizzò così la sua idea di macchina sportiva, ma nel 1972 abbandonò l’azienda, che subì negli anni diversi avvicendamenti nella proprietà, fino al 1998, quando il gruppo Volkswagen  (attraverso la controllata Audi) acquisì la società e la rilanciò.

La Lamborghini, come le altre case di auto sportive, non badano particolarmente ai consumi, privilegiando le prestazioni. La Huracán monta un motore V10 aspirato di 5.200 di cilindrata, ala aerodinamica, da 640 cavalli che promette un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,1 secondi e una velocità massima da 325 km/h. Quanto sia importante e utile avere un’auto così prestante… ognuno faccia le proprie valutazioni.


Per promuovere le prestazioni Lamborghini Huracán, nella sua nuova versione, è stato scelto il Salento. Il filmato è stato pubblicato oggi sulla pagina facebook ufficiale della casa automobilistica.

spot lamborgini Huracán salento - porto badisco otrantoLe riprese sono state effettuate presumibilmente nel mese di febbraio. L’auto sfreccia sulla litoranea, nel tratto a sud di Otranto. Si può distinguere chiaramente la zona di Porto Badisco e Torre Sant’Emiliano, con una donna al volante della  Lamborghini Huracán (gli stereotipi sulle donne alla guida qui cadono completamente). In altre sequenze l’auto sportiva compare  in Piazza Duomo, a Lecce.

Gli interni, invece, sono stati girati nel Palazzo Marchesale “Ignazio Guarini”, di Botrugno.

Una piccola curiosità su questo spot. Alcune riprese sono state effettuate il 14 febbraio. La litoranea da Porto Badisco, fino alla zona de Le Orte, ovviamente, era stata interdetta al traffico, con degli agenti posti a presidio, per bloccare l’accesso nei tratti terminali. Il sottoscritto, proprio quel pomeriggio, aveva deciso con alcuni amici di raggiungere Otranto percorrendo quella strada, quando da un bar di Porto Badisco che si affaccia sulla litoranea si precipita in strada una agente che, vista la scarsa presenza di traffico, aveva deciso di prendere un caffè al volo sorseggiandolo sulla soglia d’ingresso del locale, la quale, tempestivamente, ci intima di fermarci brandendo la tazzina da espresso al posto della paletta. Gentilmente ci informa che la strada è chiusa perché stavano girando una pubblicità, senza però offrirci ulteriori informazioni in merito.

La curiosità ci assaliva su chi stesse girando quello spot, ma il fatto più curioso resta la poliziotta che ci blocca con il caffè, un fatto tanto singolare da aver strappato un sorriso anche alla stessa agente.

Facebook Comments

Laureato in giurisprudenza, scrivo, racconto, facendomi domande, senza cercare risposte facili. Più che giudicare mi interessa comprendere. Sono stato cofondatore e caporedattore della Testata TagPress.it. Al momento gestisco il blog SalentoMetropoli.it e collaboro come freelancer per altre testate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *