Odore acre a Surbo che non fa respirare: che cos’è?

odore acre - puzza bruciato

Da oltre un mese i cittadini di Surbo denunciano un odore acre che non fa respirare e li costringe a chiudere porte e finestre. Non è chiaro quale sia l’origine, ma gli abitanti lamentano irritazioni alla gola e alle vie respiratorie.

Da più di un mese gli abitanti di Surbo lamentano quotidianamente un odore acre nell’aria, che si manifesta verso l’ora del tramonto, provocando anche delle irritazioni alla gola e alle vie respiratorie, oltre ad essere particolarmente fastidioso per il cattivo odore.

I cittadini sono costretti a serrare porte e finestre, per ripararsi da questo odore acre, di bruciato, già nel tardo pomeriggio. Molti loro dichiarano anche di avere problemi a prendere sonno.

Pare che l’odore provenga dalla periferia di Surbo, per poi invadere l’intero centro abitato e sembra imputabile ad attività di combustione. Ma di cosa? Saranno sterpaglie, materiale plastico, spazzatura indifferenziata?


In ogni caso non fa bene alla salute respirare questi fumi e le sostanze contenute in essi. Spesso tra la fine dell’estate e l’autunno, i proprietari di campagne usano raccogliere ramaglie e scarti di potatura, raggrupparli e dare fuoco per smaltirli, proprio verso il tramonto. Pur essendo scarti di natura vegetali, non sono affatto innocui. Inoltre, spesso gli alberi che vengono potati sono trattati con prodotti chimici, pertanto nel rogo ci finiscono anche i residui di pesticidi, erbicidi e quant’altro. Senza contare, che nel rogo qualcuno pensa di buttare, deliberatamente, anche contenitori in plastica, vecchi mobili, tessuti, che sono trattati con sostanze chimiche (vernici, smalti, oli, ecc…).

Non si esclude, però, che ci sia una discarica abusiva, dove i rifiuti di ogni sorta vengono smaltiti con la combustione. In passato i cittadini di Surbo avevano lamentato qualche problema con una discarica non molto distante dal centro abitato, ora in stato di abbandono.

A pagarne le conseguenze di queste emissioni, in ogni caso, sono i cittadini, l’ambiente, gli animali.

Sarà compito delle autorità preposte effettuare i dovuti controlli per risalire all’origine di questo odore acre e fastidioso per porvi fine, denunciare eventuali responsabili e scongiurare possibili gravi conseguenze per la salute.

Facebook Comments

Laureato in giurisprudenza, scrivo, racconto, facendomi domande, senza cercare risposte facili. Più che giudicare mi interessa comprendere. Sono stato cofondatore e caporedattore della Testata TagPress.it. Al momento gestisco il blog SalentoMetropoli.it e collaboro come freelancer per altre testate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *