Movimento No TAP: ‘Solidarietà a zone colpite da ennesima tromba d’aria’

Menamé Tricase Porto - danni dopo passaggio tornado

I No TAP esprimono solidarietà alle zone colpite nel pomeriggio dalla devastante tromba d’aria, classificato come tornado F2, e richiamano l’attenzione su opere climalteranti, estrattivismo e deforestazione.

tornado tricase - tromba d'ariaMentre giungono ancora drammatici aggiornamenti sui danni causati dal tornato abbuttutosi nel pomeriggio a Tricase e in diverse zone del Capo di Leuca, il Movimento No TAP rilascia un comunicato con cui esprime solidarietà alle zone colpite dalla tromba d’aria, lanciando l’allarme sui cambiamenti climatici e sul preoccupante livello di consumo di suolo, che potrebbero essere causa di questo aumento, sia in termini di frequenza che di intensità, di fenomeni atmosferici violenti, fino a qualche anno fa piuttosto rari nel Salento.

I climatologi avvertono ormai da anni che siamo vicini ad un punto di non ritorno e che se vogliamo salvare il pianeta e la nostra stessa esistenza occorre adottare misure coraggiose per invertire la tendenza. Per questo bisogna abbattere drasticamente le emissioni di CO2 e gas climalteranti.


Quindi il Movimento coglie l’occasione per parlare di un’opera che trasporterà una delle principali sostanze climalteranti, ossia il metano, che è fino a 70 volte più dannoso della CO2  in termini di effetto serra.

Di seguito il comunicato integrale del Movimento No TAP:

‘Non abbiamo veramente più tempo da perdere.
L’avanzata del cemento, la deforestazione, il mancato rispetto di ogni standard ecologico… questo modello di sviluppo insostenibile ha un costo troppo alto.
Tap è un’altro schiaffo ad una Terra che subisce già ora le conseguenze di gravi errori e crimini ambientali del passato e del presente su scala mondiale.
Queste sono le vere emergenze che dovrebbero riempire le prime pagine di tutti i giornali locali e nazionali.

Oggi ci accorgiamo che l’abuso della terra su scala mondiale e le catastrofi derivanti da esso vanno ben oltre i vincoli di una legge di stabilità, oltre qualsiasi muro di cemento che delimita un confine, oltre ogni strategia estrattivista!

Ormai si aggiunge con evidenza, alla piaga dei tumori e delle contaminazioni più disparate, la violenza della pioggia e del vento.
La natura, sconvolta e ferita, inizia a presentare quel conto che sarà sempre più salato. E la responsabilità è nostra, che in poche centinaia di anni siamo stati capaci di sconvolgere ciò che la natura ha plasmato nel corso di intere ere geologiche.

Lo diciamo da sempre: l’unica Grande Opera è la messa in sicurezza del Territorio!
E siamo sicuri che questo non potrà mai accadere senza la convinzione e lo sforzo necessario a cambiare le nostre continue, pericolose e scellerate politiche energetiche!’

aquazoo
Facebook Comments

Laureato in giurisprudenza, scrivo, racconto, facendomi domande, senza cercare risposte facili. Più che giudicare mi interessa comprendere. Sono stato cofondatore e caporedattore della Testata TagPress.it. Al momento gestisco il blog SalentoMetropoli.it e collaboro come freelancer per altre testate.

2 thoughts on “Movimento No TAP: ‘Solidarietà a zone colpite da ennesima tromba d’aria’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *