Bagliori d’Ombra: in scena Mozart MC High Energy

Mozart MC High Energy 2 - Bagliori d'Ombra

Domenica 4 marzo, nell’Auditorium Comunale “Gino Pisanò” di Casarano, in provincia di Lecce, prosegue l’undicesima edizione di Bagliori d’Ombra, rassegna di teatro ragazzi organizzata dal Teatro Le Giravolte. Dalle 17.45 (ingresso 4.50 euro) la compagnia laziale Settimo Cielo metterà in scena Mozart MC High Energy.

Come imparare la musica da quel figo di Amadeus, una pièce comica e musicale a quattro personaggi (di cui uno mai in scena ma altrettanto presente) con  Maurizio Repetto, Gloria Sapio e Cauduro Andrea. I riferimenti alla sub-cultura musicale dell’Hip Hop, permettono di creare dei dialoghi spesso ritmati e rimati che hanno una presa efficace sui bambini/ragazzi, rendendo semplici  teorie musicali altrimenti complessi da spiegare e ricordare. Prima dello spettacolo spazio alle “Fiabe con merenda”, un momento dedicato alla lettura ad alta voce e all’immaginazione, senza pc, tv  o telefonino, con l’obiettivo di far nascere e crescere nelle nuove generazioni la curiosità e l’amore per i libri attraverso momenti di lettura performativa.

Mozart-MC-High-Energy Bagliori d'OmbraSe fosse vissuto oggi, potremmo immaginare che Mozart sarebbe una pop star o un re dell’Hip Hop? L’idea non è azzardata – e non del tutto imprevedibile se ricordiamo il sensazionale ritratto che diede di Amadeus Milos Forman nel film omonimo del 1984, al quale fece eco, due anni dopo, il successo discografico di Falco (Rock me Amadeus). Una breve ricerca su spotify ci rivela che attualmente molti musicisti, sparsi su diverse latitudini, hanno adottato come nick name combinazioni che omaggiano il compositore austriaco (Mozart La Para, Ivo Mozart, Mozart’s Sisters, The Mozart Effect, ecc). Segno evidente che Mozart colpisce ancora al cuore le anime giovani.

Del resto, Wolfang Amadeus, con l’uscita del cofanetto per il duecentoventicinquesimo anniversario della morte, ha venduto più di un milione di cd, diventando il miglior artista del 2016, superando nelle classifiche miti giovanili e campioni di incassi della portata di Drake e Beyoncé. Questa capacità di rimanere vivo nel tempo e nell’immaginario collettivo, il suo prestarsi ad essere tutt’ora identificato con lo spirito ribelle e trasgressivo comune in tutte le epoche all’adolescenza, la sua vita fulminante contrassegnata dalla rivelazione di un genio e di una morte precoci, quasi fosse un Kurt Cobain o un Jim Morrison ante litteram, rendono Mozart una figura ideale di “traghettatore” tra passato e presente. La superstar Amadeus, è dunque il riferimento per invogliare un giovane pubblico a giocare con il linguaggio musicale sfatando alcuni preconcetti su ciò che viene definito “classico” , archiviato come noioso, polveroso, stantio, distante e quindi, spesso inconosciuto.

Prendendo spunto dalle Battle dell’Hip Hop, due mondi musicali si sfidano e si fronteggiano: quello del Chipolla, un rapper di periferia, intento a distillare, nella sua cantina, rime dall’ esito incerto, e quello di Wolfang Amadeus, non presente in carne ed ossa ma perennemente evocato come vero mago del ritmo e delle armonie, icona geniale e trasgressiva di un tempo lontano ma non per questo diversa per piglio e lucentezza da una star contemporanea. A questa constatazione giungeranno gradualmente il giovane pubblico e il Chipolla medesimo che, come molti dei suoi coetanei, ignorerebbe l’esistenza di Mozart e la totalità delle leggi musicali se non fosse tallonato da una mamma fuori dagli schemi detta “Mamacita” e un giovane nerd di nome “Già Karta DJ” (carta perché, come rimarca il Chipolla, è uno che sta sempre in mezzo alla carta degli spartiti e dei libri) studioso e osservante delle regole, al quale è toccato in sorte, per puri motivi di ordine economico, di accompagnare il rapper nei suoi sforzi creativi. Il finale, che giungerà dopo scherzi, gags, un pizzico di riflessioni semi-serie, qualche informazione per orientarsi tra note, intervalli e scale, e una manciata di notizie fondamentali su chi fosse Mozart, vedrà il Chipolla un po’ più padrone del lessico musicale, trionfare sulla scena del suo piccolo mondo nei panni del suo nuovo eroe, dal quale mutuerà una più fresca identità e un più consono nome d’arte: Mozart MC High Energy.

Domenica 18 marzo la rassegna si concluderà con Peter Pan della compangia Molino d’Arte di Altamura. Bagliori d’Ombra è organizzata dal Teatro Le Giravolte in collaborazione con Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese e i comuni di Aradeo e Casarano e con il sostegno di alcuni partner privati. Bagliori d’Ombra è un vero e proprio viaggio teatrale che parla di amicizia e amore, di rapporti famigliari, dei piccoli e grandi problemi di ogni giorno, della salvaguardia della natura e che si interroga sul senso della vita. Tra i temi che vengono affrontati anche quelli legati alla convivenza civile, alla legalità, ad ambienti come scuola e famiglia; un viaggio fatto di oggetti, parole e ombre, con musica, burattini, figure e attori. Un fantastico viaggio creativo, capace di divertire e nello stesso tempo di far pensare, mai banale e scontato.

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 04/03/2018
17:45

Luogo
Auditorium Comunale "Gino Pisanò"

Categorie

Blog di informazione, informazioni, attualità, approfondimenti, #eventi sul #Salento e non solo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *