TAP: per gli esperti della Procura nessun impatto sull’ambiente

Giudicata inapplicabile la “direttiva Seveso”: secondo gli esperti il gasdotto TAP non avrebbe alcun impatto sull’ambiente a San Foca.

Una notizia che farà sicuramente storcere il naso a tutti coloro che da tempo si oppongono all’approdo del gasdotto TAP a San Foca, capitanati dai membri del comitato No Tap: per i tre esperti incaricati dalla Procura a relazionare quelli che sarebbero gli eventuali rischi sul territorio causati dall’approdo del gasdotto nel tratto di spiaggia della marina di Melendugno, non vi sarebbe alcun impatto sull’ambiente.

La relazione, depositata presso il PM titolare dell’inchiesta Angela Rotondano, renderebbe inapplicabile la famosa direttiva Seveso in cui gli oppositori di TAP riponevano grandi speranze. I tre esperti incaricati dalla procura hanno infatti fatto presente nella loro relazione che, secondo i loro studi, il gasdotto non comporterebbe nessun rischio di incidenti rilevanti per il territorio e la popolazione del posto, dando così ragione alla multinazionale Trans Adriatic Pipeline, nonché ai Ministeri dell’Ambiente e dell’Interno e ai vigili del fuoco di Lecce che avevano già in precedenza espresso lo stesso parere.

Per gli esperti, dunque, il gasdotto Tap non comporterebbe nessun rischio rilevante per popolazione e ambiente e una benedizione sul progetto che, come già anticipato, non farà certo contenti tutti coloro che da tempo si oppongono alla realizzazione dell’opera.

Articolo pubblicato originariamente su Tagpress

Facebook Comments