Spring Revolution: doppio appuntamento 23 e 24 aprile

Sabato 23 a Lecce e domenica 24 aprile a Frassanito il movimento studentesco “Pensiero Azione Liberazione” propone una due giorni di laboratori, teatro, yoga e pic-nic di condivisione.

“Affermiamo la necessità di noi giovani di poter esistere e il nostro diritto alla sovranità”. Citando Antonio Gramsci sottolinea che “la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia fare, lascia promulgare le leggi” mentre ognuno deve fare il suo dovere di uomo, far valere la sua voce, la sua opinione, la sua volontà (A.
Gramsci
, Quaderni dal carcere).

Con queste parole Nina Adilardi, studentessa ed attivista, introduce il prossimo incontro della rassegna “Primavera culturale” Libertà è partecipazione. Politica, economia, sociale” che si svolgerà sabato 23 aprile presso Asfalto teatro, via D. Birago 60 Lecce, a cura di “Pensiero Azione Liberazione” movimento studenti
Unisalento.

In questo primo incontro Marzia Eccher, studentessa, spiega che i relatori proporranno una lettura geopolitica della storia italiana ed internazionale per capire cosa sta accadendo. In particolare lei “vuole esplorare cosa vuol dire essere cittadino, quali sono i rapporti e i giochi di forza tra cittadino, lavoro, salute ed istruzione,
partendo dalla riappropriazione e rilettura della Costituzione per sapere quali sono i nostri diritti e doveri. È importante tornare ad essere cittadini, attivi, consapevoli del proprio ruolo all’interno della società che non è un ruolo subalterno di sottomissione. A scuola si riesce a stento ad arrivare alla II guerra mondiale”.

La partecipazione è l’azione degli individui per costruire comunità perché hanno sviluppato la consapevolezza che occorre costituirsi come soggetti e sovrani per creare la società in cui desiderano vivere e non subire scelte imposte dall’alto. Gli studenti e i giovani invitano i cittadini a riflettere sul significato dell’impegno, della
cultura e dell’arte come strumenti del cambiamento, dell’innovazione, del superamento del conformismo. Le domande che pongono a se stessi e agli altri sono: Cosa è la primavera culturale? Cosa significa per gli studenti che l’hanno promossa in tutta Italia e per la società in cui si riverberano gli effetti? Uno dei modi per capirlo
è proprio partecipare.

Questo primo incontro dà il polso dell’interesse e ha l’ambizioso obiettivo iniziare un percorso di riflessione come motivazione che sostiene l’agire e la sua pianificazione.
A questo incontro seguirà il cineforum con la proiezione del film Metropolis di Fritz Lang del 1927.

Domenica 24 aprile a Frassanito

Si prosegue domenica 24 con il “Laboratorio fuoco” che si terrà sulla spiaggia di Frassanito (Le) a partire dalle ore 6.00.

Esso è costituito da una serie di attività: lo yoga condotto da Marzia Eccher, il laboratorio “Cantare il corpo” guidato da Ilaria Mancino e il laboratorio di teatro diretto da Matteo Padula.

Gli incontri si dividono in due giornate perché – chiarisce Marzia Eccher – volendo seguire l’esempio di Prometeo e metterci sulla strada della conoscenza, abbiamo 2pensato di organizzare una giornata più teorica e una più creativa, il mezzo migliore per trasmettere la conoscenza. Questo cammino parte da noi stessi. Dal vuoto. È
necessario prima di tutto chiudere gli occhi, svuotarsi dai pensieri, liberarsi dalle paure per essere in grado di vedere e sentire”.

Anche Ilaria Mancino parla di percorso: musicista e ricercatrice di benessere creativo, psichico e fisico, definisce “Cantare il corpo” come “un laboratorio di voce e iniziazione alla propria identità sonora. Sperimentare la voce significa esplorare il proprio rapporto con il corpo e vivificarlo attraverso la vibrazione. Lavoreremo attraverso l’attivazione dei chakra e tutto il cammino ci porterà ad accogliere il prossimo solstizio d’estate in una gran festa”.

Emerge l’importanza della cultura come forma-azione per fare del benessere la condizione di partenza e di arrivo dell’uomo. Uomo che ha narrato il mito di Prometeo, simbolo del Movimento studenti “Pensiero Azione Liberazione” proprio per indicare lo stacco tra le tenebre dell’ignoranza, della mancanza di consapevolezza
e la luce della ragione, i lumi della conoscenza. Il Titano amò gli uomini e donò loro intelligenza e memoria, compì il primo atto di ribellione verso gli dei-genitori rubando una scintilla di fuoco per iniziare l’emancipazione dei figli-uomini e fratelli.

Questa è la rivoluzione. In questa dimensione culturale ci siamo tutti noi che possiamo conoscerci meglio,
condividere idee e crescere assieme. Perché la primavera culturale è aperta a tutti e richiede il contributo di tutti.

Di seguito gli altri incontri previsti dalla rassegna:
23 aprile “Libertà è partecipazione”.
30 aprile “Libertà è vertigine”.
21 maggio “Libertà è responsabilità”.
4 giugno. Libertà è co(no)scenza”.
18 giugno. “Libertà è coraggio. Le fiabe, i miti, la narrazione”.
2 luglio. “Libertà è rinascita. Tarantismo”.

Per info: 3491073411, 340 311 9707, 327 456 4048.
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/Pensiero-Azione-Liberazione-Movimento-Studenti-
Unisalento-112351604776603/