Ferrovie Sud Est: a giudizio Luigi Fiorillo, ex amministratore delegato

Sulle questione carrozze acquistate da Ferrovie Sud Est a prezzo maggiorato rinviate giudizio 5 persone. Due assoluzioni con rito abbreviato.

L’ex amministratore delegato di Ferrovie Sud Est, Luigi Fiorillo, è stato rinviato a giudizio dal Gup del Tribunale di Bari Chiara Mastrorilli.
Fiorillo è considerato come l’uomo del disastro della società di trasporti. In particolare nel processo che verrà istruito a suo carico, verrà giudicato sull’acquisto di 52 carrozze da parte della di FSE pagate 22 milioni di euro mentre, il doppio rispetto al reale valore di mercato secondo quanto sostenuto dal consulente tecnico nominato dalla Procura di Bari.

L’inchiesta è nata a seguito di alcuni controlli della Guardia di Finanza eseguiti nel 2014, di cui maggiri dettagli sono riportati nell’articolo Ferrovie Sud Est, vagoni pagati il doppio rispetto al valore di mercato?

Dopo due ore di udienza preliminare camera di consiglio, il Gup ha deciso per il rinvio a giudizio di Luigi Fiorillo, ex amministratore delegato di FSE, di Giuseppe Fiaccadori, rappresentante legale della Railconsulting SRL, Marco Mazzocchi e Carlo Beltramelli, rispettivamente ex rappresentante legale ed ex procuratore speciale della società polacca Varsa.

Nella stessa udienza si è svolto anche il procedimento con rito abbreviato per i polacchi Tomasz Zaboklicki e Zygfryd Franciszek Zurawski, rispettivamente presidente e componente del direttorio della società polacca Pesa, i quali sono stati entrambi assolti “perché il fatto non costituisce reato”.

Articolo pubblicato originariamente su TagPress

Facebook Comments