Google Pay anche in Italia, non solo per acquisti online

google pay

Il sistema di pagamento Google Pay permette di gestire diverse carte di credito e di debito tramite un’app ed effettuare comodamente pagamenti on-line e presso negozi fisici abilitati ai pagamenti con sistema NFC.

Google payAnche Google si è dotato del suo sistema di pagamento, al pari di altre compagnie dell’industria digitale, come ad esempio la Apple (con l’applicazione Apple Pay): si chiama Google Pay. In realtà questo sistema di pagamento era già presente in altri mercati, ma da oggi 19 settembre, è anche disponibile in Italia.

Grazie a Google Pay è possibile gestire carte di credito e di debito attraverso il proprio account di Google (è sufficiente avere uno smartphone o, un tablet Android o smartwatch) ed effettuare pagamenti online o presso negozi dotati di sistema POS abilitato al “contactless”. Con il sistema contactless è possibile pagare semplicemente avvicinando il proprio dispositivo (come lo smartphone o lo smartwach) al lettore POS, purché il dispositivo sia dotato dell’NFC (Near Field Communication).

In pratica Google Pay è un portafoglio virtuale, utilizzabile sia per gli acquisti online che per fare la spesa in negozi reali.

Requisiti per usare Google Pay

Per usare Google Pay è necessario scaricare l’app dal Play Store di Google. Uno dei requisti per scaricare l’applicazione è di avere il sistema operativo Android dalla versione 5.0 in su, oppure – per chi utilizza uno smartwatch – il sistema WearOS.

In secondo luogo, come dicevamo, per poter funzionare, il dispositivo su cui è installata l’app deve essere dotato di tecnologia NFC (Near Field Communication), che permette lo scambio di dati tra il proprio dispositivo e il POS.

Una volta istallata l’applicazione Google Pay, è un po’ come avere un portafoglio vuoto. Per poter pagare occorre “riempirlo” con il denaro virtuale. Bisogna, cioè, associare una o più carte di debito (bancomat e prepagate) o di credito. Al momento sono compatibili con Google Pay le carte che utilizzano i circuiti Maestro, MasterCard e Visa, emesse da determinate banche. Entro i prossimi mesi si avrà una copertura molto più capillare, grazie all’adesione di altri istituti bancari.

Dove è possibile pagare con Google Pay

Il sistema di pagamento di Google può essere utilizzato in tutti quei negozi abilitati al pagamento contactless, mentre i pagamenti online sono possibili su quei siti che hanno inserito tra le modalità di pagamento anche l’opzione Google Pay.

I primi ad accettare questa modalità di pagamento saranno, tra gli altri, Booking, Deliveroo, Flixbus, Ryanair e Vueling, ma presto se ne aggiungeranno altri.

FlixBus Noleggio

Dati al sicuro anche in caso di perdita o furto dello smartphone

In caso di smarrimento o furto dello smartphone, Google permette di bloccare i pagamenti tramite il servizio “Trova il tuo telefono”, dal proprio account (accessibile tramite computer o altro dispositivo).

In ogni caso i dati delle carte associate a Google Pay non saranno memorizzati sullo smartphone, né registrati.

Facebook Comments

Laureato in giurisprudenza, scrivo, racconto, facendomi domande, senza cercare risposte facili. Più che giudicare mi interessa comprendere. Sono stato cofondatore e caporedattore della Testata TagPress.it. Al momento gestisco il blog SalentoMetropoli.it e collaboro come freelancer per altre testate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *