Tap, No al carbone: “Razzismo ambientale da Emiliano”

Su ipotesi TAP a Brindisi, per i NAC Emiliano fa “razzismo ambientale”. “Brindisi e Taranto trattate come luogo dove nascondere tutte le nefandezze”.

La proposta del Governatore Michele Emiliano di spostare l’approdo del gasdotto TAP da San Foca a Brindisi appare come un tentativo di accantonare la polvere sotto al tappeto, dal momento che risolverebbe ben pochi dei problemi connessi alla realizzazione di una simile infrastruttura.
Verrebbe certamente risparmiata una località di mare per anni insignita della bandiera blu e di altri riconoscimenti, meta turistica molto ambita, ma i benefici si fermerebbero qui.

Brindisi, dopo aver fatto per decenni i conti con insediamenti idustriali altamente impattanti, sull’ambiente, sulla salute, sul paesaggio, come il petrolchimico e la centrale termoelettrica a carbone di Cerano, sta cercando una strada per risanare le sue ferite. Emiliano, così come il PD leccese, avrebbero deciso che Brindisi è sacrificabile in ragione dell’interesse di TAP e degli interessi che vi gravitano attorno, che di certo non appaiono “pubblici”, dal momento che il gas di TAP sarebbe destinato al mercato europeo. Il nostro Paese sarebbe solo una servitù di passaggio per il gas azero.

Tuttavia l’ex Sindaco di Bari cerca di far leva su una soluzione che (solo) in teoria porterebbe benefici all’ambiente, ossia la riconversione della centrale elettrica, del petrolchimico e dell’Ilva di Taranto, in modo che possano funzionare bruciando metano. Il tutto sembra però essere una mera propaganda, dal momento che l’Ilva è in grave difficoltà e sull’orlo del fallimento, mentre Enel non sembra intenzionata a passare dell’economico carbone all’esoso metano. In tutto ciò TAP continua a tenersi in silenzio, senza né smentire né affermare.
Il dibattito sta diventando fervente nel brindisino e la proposta di Emiliano non ha suscitato molto entusiasmo.
[tagpress_ad_marcello]
Il Comitato No al Carbone di Brindisi, a tal proposito ha pubblicato una lettera aperta dalle tinte forti indirizzata al Governatore, che noi pubblichiamo integralmente.

Presidente??‎ Emiliano‬ chiudiamo il 2015 con la notizia ufficiale di quanto già immaginavamo, ovvero la conferma della sua avversione forse inconsapevole, ma sicuramente convinta, alle terre del Salento e più in particolare per la terra di Brindisi.
Nella sua spasmodica ricerca di un sito alternativo all’approdo di San Foca, nel suo affannoso tentativo di mantenere le promesse elettorali senza per questo fare ombra alle potenti multinazionali, ha trovato sulla sua strada Brindisi, che è parte del Salento (lo saprà), ma che evidentemente non ne appartiene a pieno diritto quando si parla di vocazioni del territorio. Che Brindisi faccia parte della Puglia sicuramente lo sa, ma questa città insieme a Taranto condivide il destino di “sgabbuzzino” della regione, di ripostiglio, di luogo impresentabile dove andare a nascondere tutte le nefandezze. Luoghi questi che la natura ha reso bellissimi, ma che la politica degli ultimi 60 anni ha violentato e in gran parte devastato.
Parlando di Brindisi come punto di approdo della Tap, suggerito evidentemente da “eminenti professionisti ed esperti” dell’industria pesante, non si è reso conto (speriamo) della gravità di certe affermazioni.

Lei dovrebbe conoscere la drammatica situazione ambientale di questo territorio, dovrebbe sapere che Brindisi è zona SIN (11000 ettari), che nella zona industriale (grande 5 volte la città) ci sono ben 7 impianti a rischio di incidente rilevante, che la zona individuata da lei e dai suoi “esperti” è a contatto con una delle discariche industriali più grandi d’Europa (almeno 1,5 Milioni di metri cubi di fanghi altamente tossici ) residui di lavorazione di un petrolchimico, anch’esso definito “strategico” dai suoi “esperti”. Dovrebbe sapere che quella zona è confinante con la riserva naturale di Punta della Contessa, un lembo di terra tra i più belli della Puglia, stretto d’assedio tra il fu “strategico” petrolchimico e la neo “strategica” centrale di Cerano.
Lei queste cose dovrebbe conoscerle ma se non le conosce dovrebbe avere l’umiltà di fare un “tour”, un ??#‎VeleniTour‬ al quale è stato da noi invitato, che le stampi negli occhi l’immagine della devastazione della nostra terra. Lei Presidente dovrebbe conoscere il nesso profondo che da queste parti esiste tra multinazionali, colonizzazione e distruzione ambientale e sociale.

E anziché parlare di Sud e vestirsi di meridionalismo un po’ sui generis, faccia un passo verso la consapevolezza che non possono essere le multinazionali a salvare questo territorio.
Presidente Emiliano lei (forse inconsapevolmente) dà l’impressione di voler agire discriminando un territorio, che è quello di Brindisi, verso cui dai suoi ultimi atti traspare una sorta di razzismo ambientale basato su affermazioni strumentali e volutamente propagandistiche come la conversione di Cerano, affermazioni usate spudoratamente per spacciare TAP come infrastruttura necessaria a questo scopo, e magari anche ad altro.
Il suo predecessore venne in piazza nella nostra città a farci promesse mai mantenute, lei in maniera ancor più supponente rincara la dose senza nessuna cognizione nè rispetto per i cittadini, le associazioni e le istituzioni locali che si sono già espresse negativamente sull’approdo Tap. A Brindisi non viene lasciato il diritto di autodeterminare un proprio sviluppo, di cambiare direzione, di darsi una propria originale impostazione, cosa che invece viene permessa, accettata o addirittura incentivata in altre realtà. Ma questo diritto lo pretendiamo.
Presidente Emiliano, Brindisi è in transizione.
Non disturbi.

[tagpress_ad_marcello]