Uxoricidio: uccide la moglie e si costituisce

Un ingegnere 74enne salentino avrebbe ucciso la moglie malata durante il sonno. Ha poi confessato l’uxoricidio presso la caserma dei carabinieri.

Il drammatico evento si è consumato a Ferrara nella notte tra lunedì e martedì. Una donna di 73 anni, Elena Salmaso, è stata accoltellata e uccisa nel sonno. L’autore del fatto sarebbe stato il marito 74enne, Francesco Maria De Scisciolo, un ingegnere originario di Presicce, dipendente statale ora in pensione, residente nella città romagnola. Si sarebbe trattato quindi di uxoricidio.

I motivi del gesto sono ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo la confessione resa ai carabinieri, l’ingegnere salentino sarebbe stato colto da un raptus, scaturito dalla sofferenza psicologica legata ad un grave ictus che aveva colpito la consorte, costringendola ad una grave invalidità, tanto da dover richiedere un’assistenza continua, 24 ore su 24.
[tagpress_ad_marcello]
L’uomo avrebbe optato per la più drammatica e drastica delle soluzioni per porre fine – almeno nel suo immaginario – alla fine delle sofferenze per entrambi. Compiuto il delitto, si sarebbe poi recato in stato confusionale presso la caserma dei carabinieri per raccontare tutto. Sarebbe stato necessario anche l’intervento del 118 prima che potesse avvenire l’interrogatorio.

I carabinieri, entrati nell’abitazione dei coniugi, hanno trovato il corpo esanime dell’anziana, biancheria peina di sangue e l’arma del delitto, un coltello da cucina. L’intero appartamento è stato posto sotto sequestro e passato al setaccio dagli uomini del reparto di investigazioni scientifiche. Ora De Sciosciolo è in stato sottoposto a fermo, in attesa della convalida da parte del Gip. La Procura di Ferrara ha anche disposto l’autopsia sul corpo della vittima.