Busta con proiettili a socio della discoteca Malè

Il ritrovamento venerdì: il plico, ritrovato  sull’auto del socio unico del Malè, e ora al vaglio dei Ris.

Tre proiettili inseriti in una busta lasciata sull’auto del diretto interessato, di cui sono state anche scritte le iniziali sul plico. E’ quanto accaduto lo scorso venerdì a Santa Cesarea Terme, nei pressi della discoteca Malè.

Le minacce sono rivolte ad Alessandro Muscatello, giovane imprenditore salentino socio unico ed amministratore della nota discoteca salentina. Il 27enne si trovava proprio all’interno del Malè lo scorso vene, che aprirà i battenti il prossimo 11 giugno, quando qualcuno ha abbandonato la busta contenente i proiettili sulla sua vettura.

[tagpress_ad_ruggero]

A seguito del ritrovamento del plico, il giovane originario di Cerfignano ma residente nel comune di Minervino di Lecce ha immediatamente allertato i carabinieri, che dovranno ora cercare di far maggior chiarezza sull’accaduto. Il plico è finito ora nelle mani dei Ris, che cercheranno di trovare impronte sul contenuto della busta, risalendo così al possibile mittente.

Al vaglio degli inquirenti vi sono anche i video di alcune telecamere di sorveglianza installate in zona, che potrebbero aver ripreso l’accaduto. Non è chiaro cosa possa esservi alla base delle minacce mosse verso Muscatello, ma la pista più calda, visti anche i precedenti creatisi in Salento, resta in ogni caso quella dell’estorsione.